racinghardtails goes lanarogranfondo

di officinedada

lanaro2lanaro 15

Se c’è un momento dell’anno in cui tocco il nadir della mia forma fisica, è quando a Trieste c’è una gara di 35 chilometri prevalentemente in salita. Ci sono alcune mitologie della mountainbike trestina vecchia scuola che si propagano nel tempo senza soluzione di continuità: che la mtb sia principalmente salita, che la guida della bici non sia importante come il livello della stessa, che sentieri sconnessi e contorti (ma praticamente piatti) siano divertenti. Che vuol dire per me? Prenderle tragicamente in salita, per poi sorpassare oggetti fermi in discesa: a un certo punto ho dovuto tagliare trai cespugli per oltrepassare un obelisco su ruote che zigzagava giù per una strada bianca. E poi tentare di resistere sulle salite. E’ andata bene: 2 ore e 36 per finirla, tenendo conto che mi sono fermato 2 volte a tirare i raggi completamente laschi delle ruote finite di montare sabato.